Segmento 1 - Dettaglio news

Focus on

La subscription è ovunque

Streaming, noleggio, consegna a domicilio: tutti vogliono i servizi in abbonamento

Coinvolge nuovi settori, attira sempre più utenti e cresce rapidamente. Parliamo della subscription economy. Netflix, Spotify, Tinder, Office 365, Dropbox: le aziende che offrono servizi in abbonamento non si contano più.

L’industria della subscription avanza inarrestabile e si allarga anche a settori impensabili: salute, bellezza, moda, trasporti, cibo, finanza, bricolage, ecc.

I numeri confermano la crescita. Dal 2012 al 2020 i ricavi delle aziende che si basano sulla subscription sono cresciuti del 403%. Nello stesso periodo, le vendite delle società che fanno parte dell’indice S&P 50, sono aumentate, invece, del 130%.

E il futuro? La banca d’affari GP Bullhound prevede che l’economia degli abbonamenti crescerà del 10-15% all’anno in 15 anni.

Le ragioni del boom

I motivi principali di questo incredibile successo sono due: lo sviluppo tecnologico che consente a qualsiasi azienda di accedere a questo modello e il cambiamento delle abitudini di acquisto dei consumatori che stanno passando dal possesso all’utilizzo, dalla proprietà al servizio in abbonamento.

I consumatori vogliono sentirsi al centro delle scelte delle aziende. Soddisfazione e fedeltà sono le parole d’ordine di questa evoluzione. Le imprese che continuano a concentrarsi solo sui prodotti, senza fare attenzione alle preferenze dei clienti, corrono il rischio di rimanere indietro e di non farcela. Il momento di evolvere è adesso.

Cosa è cambiato con la pandemia

Una delle spinte più forti verso questa evoluzione è stata la pandemia. In piena reclusione, la domanda di abbonamenti è cresciuta vertiginosamente. Secondo Zuora, i tassi di crescita degli abbonati sono aumentati del 12% nel secondo trimestre del 2020, superando i dati della seconda metà del 2019. 

Un altro effetto della pandemia è stato quello di convincere anche i settori più scettici. Volaris, compagnia aerea messicana, ha deciso di puntare sugli abbonamenti per contrastare la perdita di ricavi. A marzo 2020, la compagnia ha raggiunto più di 30.000 abbonati che ricevono un volo al mese per 399 pesos (16 euro) o un volo andata e ritorno per 639 pesos (25 euro). 

A differenza del modello transazionale basato sugli acquisti singoli, la subscription ha consentito a Volaris di avere entrate garantite ogni mese.

Libertà e flessibilità con Zuora

Sidea Group e Zuora aiutano le imprese a sfruttare i vantaggi della digital transformation e della subscription. Grazie alle soluzioni tecnologiche offerte dalla piattaforma Zuora, le aziende possono offrire servizi in abbonamento semplici, trasparenti e flessibili, con la possibilità, ogni mese, di sospendere, riprendere o cancellare l’abbonamento.

Condividi su: